venerdì 3 ottobre 2008

~ ღ Scenografo - Dante Ferretti ~ ღ


















Dante Ferretti
Oscar alla migliore scenografia 2005 Oscar alla migliore scenografia 2008
Dante Ferretti (Macerata, 26 febbraio 1943) è uno scenografo italiano.
« Ferretti viene da una tradizione che gli permette di fondere una grande immaginazione con l'attenzione per i dettagli d'epoca. E proprio quei dettagli fanno da commento al tema del film. »
(Martin Scorsese)
Celebre all'estero grazie alle sue numerose collaborazioni a importanti produzioni hollywoodiane.

Biografia

Gli inizi italiani
Dopo aver conseguito il diploma all'Accademia delle Belle Arti, Ferretti inizia la sua carriera cinematografica come assistente nel film "Il Vangelo secondo Matteo" (1964) di Pier Paolo Pasolini, con il quale continua a lavorare, questa volta in qualità di scenografo, in opere importanti come "Medea" (1969), "Decameron" (1971), "I racconti di Canterbury" (1972), "Il fiore delle mille e una notte" (1974) e "Salò o le 120 giornate di Sodoma" (1975).
Si trova quindi a collaborare con numerosi altri registi italiani, tra i quali Elio Petri, Marco Bellocchio, Liliana Cavani, Luigi Comencini, senza dimenticare Federico Fellini, la cui arte era totamente opposta a quella realista di Pasolini. Con Fellini Ferretti lavora per "Prova d'orchestra" (1979), "La città delle donne" (1980), "E la nave va" (1983), "Ginger e Fred" (1986) e "La voce della luna" (1990).

La scena internazionale
Circa verso la metà degli anni '80, Ferretti comincia ad essere chiamato a lavorare al di fuori del panorama cinematografico italiano. La sua prima prova internazionale arriva nel 1986, quando collabora con il regista Jean-Jacques Annaud per la versione cinematografica de "Il nome della rosa", tratto dal romanzo omonimo di Umberto Eco. Nel 1989 e nel 1990 ottiene due nomination all'Oscar, insieme alla moglie, Francesca Lo Schiavo, sua abituale collaboratrice, per il suo lavoro ne "Le avventure del Barone di Munchausen" dell'ex-Monty Python Terry Gilliam e dell'"Amleto" di Franco Zeffirelli.

L'approdo a Hollywood e i successi

Debutto a Hollywood con Martin Scorsese, conosciuto anni prima a La città delle donne", per il quale diventerà un collaboratore indispensabile, per il film "L'età dell'innocenza", che gli vale la terza nomination dell'Academy. La quarta arriva nel 1994 per "Intervista col vampiro" di Neil Jordan.
La collaborazione con Scorsese intanto continua con altri film, quali "Casinò", "Kundun" (scenografie e costumi che gli valgono la quinta candidatura), "Gangs of New York" (per il quale ha ricostruito la New York di fine '800 nei teatri di posa di The Aviator" che questa volta frutta a lui e alla moglie








Scenografia dell'Età dell'innocenza



Francesca Lo Schiavo l'ambita statuetta.
Nel 2004 partecipa ad un'altra grande produzione americana, "Ritorno a Cold Mountain", di Anthony Minghella.
Nel 2008 vince, con la moglie, di nuovo l'Oscar per le scenografie di "Sweeney Todd", regia di Tim Burton.

Teatro
A teatro, Ferretti ha allestito svariate rappresentazioni per teatri importanti come Scala di Milano, il Teatro Regio di Torino, il Colon di Buenos Aires, il Festival di Sanremo nell'edizione 2006 e altri ancora. Il 25 luglio 2008 ha esordito come regista allo Sferisterio di Macerata, sua città natale, con un nuovo allestimento dell'opera Carmen di Georges Bizet. In questa regia ha spostato la vicenda nella Spagna franchista degli anni '30 e le scene e i costumi, molto austeri, ricordano molto i film di registi quali Pasolini, Rossellini, Fellini, De Sica. Nel cast dell'opera spiccavano Nino Surguladze (Carmen), Irina Lungu (Micaela), Philippe Do (Don Josè), SImone Alberghini (Escamillo), Carlo Montanaro (direttore).

Riconoscimenti ricevuti

Oscar 2008 per Sweeney Todd: il diabolico barbiere di Fleet Street di Tim Burton.
Oscar 2005 per The Aviator di Martin Scorsese.
Nomination Oscar 2003 per Gangs of New York di Martin Scorsese.
Nomination Oscar 1998 per Kundun di Martin Scorsese (migliore Scenografia).
Nomination Oscar 1998 per Kundun di Martin Scorsese (migliori Costumi).
Nomination Oscar 1995 per Intervista col vampiro di Neil Jordan.
Nomination Oscar 1994 per L'età dell'innocenza di Martin Scorsese. ù


Scenografia dell'Età dell'Innocenza
Nomination Oscar 1991 per Hamlet di Franco Zeffirelli.
Nomination Oscar 1990 per Le avventure del barone di Munchausen di Terry Gilliam.
Bafta 2005 per The Aviator di Martin Scorsese.
Bafta 1995 per Intervista col vampiro di Neil Jordan.
Bafta 1990 per Le avventure del barone di Munchausen di Terry Gilliam.
David di Donatello 1990 per La voce della luna di Federico Fellini.
David di Donatello 1987 per Il nome della rosa di Jean Jacques Annaud.
David di Donatello 1984 per E la nave va di Federico Fellini.
David di Donatello 1983 per La nuit de Varennes di Ettore Scola.
Nastro d'Argento 2006 per The Black Dahlia di Brian De Palma.
Nastro d'Argento 2006 per The Aviator di Martin Scorsese.
Nastro d'Argento 2003 per Gangs of New York di Martin Scorsese.
Nastro d'Argento 2000 per Al di là della vita di Martin Scorsese.
Nastro d'Argento 1997 per Casino di Martin Scorsese.
Nastro d'Argento 1995 per Intervista col vampiro di Neil Jordan.
Nastro d'Argento 1994 per L'età dell'innocenza di Martin Scorsese.
Nastro d'Argento 1990 per Le avventure del barone di Munchausen di Terry Gilliam.
Nastro d'Argento 1987 per ll nome della rosa di Jean Jacques Annaud.
Nastro d'Argento 1986 per Ginger e Fred di Federico Fellini.
Nastro d'Argento 1984 per E la nave va di Federico Fellini.
Nastro d'Argento 1980 per La città delle donne di Federico Fellini.
Premio Cinecittà 1999 alla Carriera.
Premio Cinecittà Holding 2008 per Sweeney Todd: il diabolico barbiere di Fleet Street di T. Burton.
Premio Cinearti La Chioma di Berenice 1999 per Kundun di Martin Scorsese (migliori Costumi).
Premio Capitello d'Oro Sannio Film Fest 2008 alla Carriera.

Filmografia

Scenografo
Medea, regia di Pier Paolo Pasolini (1970)
Io non vedo, tu non parli, lui non sente, regia di Mario Camerini (1971)
Il Decameron, regia di Pier Paolo Pasolini (1971)
La classe operaia va in paradiso, regia di Elio Petri (1971)
I racconti di Canterbury, regia di Pier Paolo Pasolini (1972)
Sbatti il mostro in prima pagina, regia di Marco Bellocchio (1972)
Storie scellerate, regia di Sergio Citti (1973)
Mio Dio, come sono caduta in basso!, regia di Luigi Comencini (1974)
Delitto d'amore, regia di Luigi Comencini (1974)
Il fiore delle Mille e una notte, regia di Pier Paolo Pasolini (1974)
Salò o le 120 giornate di Sodoma, regia di Pier Paolo Pasolini (1975)
La presidentessa, regia di Luciano Salce (1977)
Il mostro, regia di Luigi Zampa (1977)
Todo modo, regia di Elio Petri (1977)
Casotto, regia di Sergio Citti (1977)
Eutanasia di un amore, regia di Enrico Maria Salerno (1978)
Il gatto, regia di Luigi Comencini (1978)
Ciao maschio, regia di Marco Ferreri (1978)
Prova d'orchestra, regia di Federico Fellini (1978)
La città delle donne, regia di Federico Fellini (1980)
Il Minestrone, regia di Sergio Citti (1981)
La pelle, regia di Liliana Cavani (1981)
Storie di ordinaria follia, regia di Marco Ferreri (1981)
Il mondo nuovo, regia di Ettore Scola (1982)
Oltre la porta, regia di Liliana Cavani (1982)
E la nave va, regia di Federico Fellini (1983)
Pianoforte, regia di Francesca Comencini (1984)
Dagobert, regia di Dino Risi (1984)
Il futuro è donna, regia di Marco Ferreri (1984)
Ginger e Fred, regia di Federico Fellini (1986)
Il nome della rosa, regia di Jean-Jacques Annaud (1986)
Le avventure del barone di Münchausen, regia di Terry Gilliam (1988)
Lo zio indegno, regia di Franco Brusati (1989)
La voce della Luna, regia di Federico Fellini (1990)
Amleto, regia di Franco Zeffirelli (1990)
L'età dell'innocenza, regia di Martin Scorsese (1993)
Intervista col vampiro, regia di Neil Jordan (1994)
Casinò, regia di Martin Scorsese (1995)
Kundun, regia di Martin Scorsese (1997)
Vi presento Joe Black, regia di Martin Brest (1998)
Al di là della vita, regia di Martin Scorsese (1999)
Titus, regia di Julie Taymor (1999)
Gangs of New York, regia di Martin Scorsese (2002)
Ritorno a Cold Mountain, regia di Anthony Minghella (2003)
The Aviator, regia di Martin Scorsese (2004)
The Black Dahlia, regia di Brian De Palma (2006)
Sweeney Todd: Il diabolico barbiere di Fleet Street, regia di Tim Burton (2007)

Aiuto Scenografo
Il Vangelo secondo Matteo, regia di Pier Paolo Pasolini (1964)
Il Compagno don Camillo, regia di Luigi Comencini (1965)
Uccellacci e uccellini, regia di Pier Paolo Pasolini (1966)
Edipo re, regia di Pier Paolo Pasolini (1967)
Fellini Satyricon, regia di Federico Fellini (1969)

Costumista [modifica]
Mio Dio, come sono caduta in basso!, regia di Luigi Comencini (1974)
Kundun, regia di Martin Scorsese (1997)

1 commento:

filomeno2006 ha detto...

Luciano Salce, un Grande

Archivio blog